Aspirin protect 100 mg confezione da 98 compresse

15.60

Confezione da 98 compresse

Pzn 6706155

x
COD: 6706155 Categoria: Tag:
Descrizione

Descrizione

Ingredienti attivi
100 mg di acido acetilsalicilico
ingredienti
Trietil citrato
Polvere di cellulosa
Copolimero acido metacrilico-etil acrilato (1:1) dispersione 30%
Sodio dodecil solfato
Amido di mais
Polisorbato 80
talco

Indicazione :
Il medicinale inibisce, tra le altre cose, l’adesione e l’aggregazione delle piastrine (trombociti) e previene quindi la formazione di coaguli di sangue (trombi) (inibizione dell’aggregazione piastrinica).
Il medicinale è usato:
per l’angina pectoris instabile (dolore cardiaco dovuto a disturbi circolatori nelle arterie coronarie) – come parte della terapia standard
per infarto miocardico acuto – come parte della terapia standard
per prevenire un altro attacco cardiaco dopo il primo attacco cardiaco (per la prevenzione del reinfarto)
dopo interventi o altre procedure sui vasi sanguigni arteriosi (dopo chirurgia vascolare arteriosa o procedure interventistiche, ad esempio dopo bypass della vena aortocoronarica [ACVB], durante angioplastica coronarica transluminale percutanea [PTCA])
per prevenire un temporaneo flusso sanguigno insufficiente nel cervello (TIA: attacchi ischemici transitori) e infarti cerebrali dopo che si sono verificati stadi precursori (ad es. sintomi di paralisi temporanea nei muscoli del viso o delle braccia o perdita temporanea della vista)
nella sindrome di Kawasaki (una malattia rara, acuta, febbrile nei bambini che colpisce, tra le altre cose, la pelle e i linfonodi):
per inibire l’infiammazione durante la fase febbrile,
per prevenire la formazione di coaguli di sangue dovuti ad alterazioni delle pareti delle arterie coronarie (inibizione profilattica dell’aggregazione piastrinica negli aneurismi delle arterie coronarie).
Un avviso:
Il medicinale non è adatto per il trattamento delle condizioni dolorose.
Dosaggio :
Prenda sempre questo medicinale esattamente come descritto o esattamente come le ha detto il medico o il farmacista. Consulta il tuo medico o il farmacista se non sei sicuro.
dosaggio
Salvo diversa prescrizione del medico, la dose raccomandata è:
Per l’angina pectoris instabile (dolore al cuore dovuto a problemi circolatori nelle arterie coronarie)
Si consiglia la dose giornaliera di 1 compressa gastroresistente (corrispondente a 100 mg di acido acetilsalicilico al giorno).
Nell’infarto miocardico acuto
Si consiglia la dose giornaliera di 1 compressa gastroresistente (corrispondente a 100 mg di acido acetilsalicilico al giorno).
Per prevenire un altro attacco cardiaco dopo il primo attacco cardiaco (profilassi del reinfarto)
Si consiglia una dose giornaliera di 3 compresse gastroresistenti (corrispondenti a 300 mg di acido acetilsalicilico al giorno).
Dopo operazioni o altre procedure sui vasi sanguigni arteriosi (dopo chirurgia vascolare arteriosa o procedure interventistiche; ad esempio dopo ACVB; durante PTCA)
Si consiglia la dose giornaliera di 1 compressa gastroresistente (corrispondente a 100 mg di acido acetilsalicilico al giorno).
Il momento più appropriato per iniziare il trattamento dopo il bypass venoso aorto-coronarico (ACVB) sembra essere 24 ore dopo l’intervento chirurgico.
Per la prevenzione dell’insufficienza cerebrale transitoria (TIA) e dell’infarto cerebrale dopo che si sono verificati stadi precursori
Si consiglia la dose giornaliera di 1 compressa gastroresistente (corrispondente a 100 mg di acido acetilsalicilico al giorno).
Nella sindrome di Kawasaki
Durante la fase febbrile, il trattamento deve essere iniziato inizialmente con acido acetilsalicilico alla dose di 80 – 100 mg/kg di peso corporeo/die, suddiviso in 4 dosi individuali, in associazione con immunoglobuline.
Per evitare la formazione di coaguli di sangue nelle alterazioni delle pareti delle arterie coronarie (inibizione profilattica dell’aggregazione piastrinica negli aneurismi delle arterie coronarie), il trattamento deve essere continuato più tardi (a partire dalla 2a – 3a settimana circa di malattia) con acido acetilsalicilico alla dose di 3 – 5 mg/kg di peso corporeo/giorno.
Durata dell’applicazione
Il medicinale è destinato all’uso a lungo termine. La durata dell’utilizzo verrà decisa dal medico curante.
Se hai preso più del dovuto
Vertigini e ronzii nelle orecchie possono essere segni di avvelenamento grave, soprattutto nei bambini e nei pazienti anziani.
Se sospetta un sovradosaggio, informi immediatamente il medico.
Questa persona può decidere le misure necessarie a seconda della gravità del sovradosaggio/avvelenamento.
Se ti dimentichi di prenderlo
Se non ha preso abbastanza medicinale o ha dimenticato una dose, la prossima volta non ne prenda il doppio, ma continui a prenderlo come descritto nelle istruzioni di dosaggio o come prescritto dal medico.
Se smetti di prenderlo
Si prega di non interrompere o interrompere il trattamento senza prima parlarne con il medico.
Se ha ulteriori domande sull’assunzione di questo medicinale, si rivolga al medico.
Modo :
Si prega di assumere le compresse intere, preferibilmente almeno 30 minuti prima del pasto, con abbondante acqua.
Per trattare un attacco cardiaco acuto, la prima compressa deve essere morsa o masticata.
Effetti collaterali :
Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.
Malattie del tratto gastrointestinale
Comune: (può interessare fino a 1 persona su 10)
Disturbi gastrointestinali come bruciore di stomaco, nausea, vomito, dolore addominale e diarrea.
Minore perdita di sangue dall’area gastrointestinale (microsanguinamenti).
Non comune: (può interessare fino a 1 persona su 100)
Sanguinamento dello stomaco o dell’intestino. Dopo l’uso a lungo termine, può verificarsi anemia (anemia da carenza di ferro) a causa della perdita nascosta di sangue dallo stomaco o dall’intestino.
Ulcere allo stomaco o all’intestino, che molto raramente possono portare alla rottura.
Infiammazione gastrointestinale.
Non nota: (la frequenza non può essere stimata sulla base dei dati disponibili)
Se è già presente un danno alla mucosa intestinale, nello spazio intestinale possono formarsi membrane con possibile conseguente restringimento.
Se compaiono feci nere o vomito con sangue (segni di grave sanguinamento dello stomaco), contatti immediatamente il medico.
Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo
Non comune: (può interessare fino a 1 persona su 100)
Reazioni cutanee (molto raramente fino a eruzioni cutanee gravi e febbrili che coinvolgono le mucose [eritema exsudativum multiforme]).
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione
Raro: (può interessare fino a 1 persona su 1.000)
Reazioni di ipersensibilità della pelle, delle vie respiratorie, del tratto gastrointestinale e del sistema cardiovascolare, soprattutto negli asmatici. Possono verificarsi i seguenti sintomi:
per esempio. B. Calo della pressione sanguigna, attacchi di respiro corto, infiammazione della mucosa nasale, naso chiuso, shock allergico, gonfiore del viso, della lingua e della laringe (edema di Quincke).
Malattie del sistema nervoso
Mal di testa, vertigini, confusione, disturbi dell’udito o ronzii nelle orecchie (tinnito) possono essere segni di sovradosaggio, soprattutto nei bambini e nei pazienti anziani (vedere anche la categoria “Dosaggio”).
Malattie del sangue e del sistema linfatico
Da raro (può interessare fino a 1 persona su 1.000) a molto raro (può interessare fino a 1 persona su 10.000) sanguinamento grave come: B. Sono state segnalate emorragie cerebrali, soprattutto in pazienti con pressione alta non controllata e/o trattamento simultaneo con farmaci anticoagulanti (anticoagulanti), che in singoli casi possono potenzialmente mettere a rischio la vita.
Rottura o disintegrazione accelerata dei globuli rossi e una certa forma di anemia in pazienti con grave deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi.
Sanguinamento come B. Sanguinamento dal naso, gengive sanguinanti, sanguinamento cutaneo o sanguinamento dalle vie urinarie e dagli organi genitali con possibile prolungamento del tempo di sanguinamento. Questo effetto può durare da 4 a 8 giorni dopo l’ingestione.
Malattie epatiche e biliari
Molto raro: (può interessare fino a 1 persona su 10.000)
Aumenti dei valori del fegato.
Malattie dei reni e delle vie urinarie
Molto raro: (può interessare fino a 1 persona su 10.000)
Disfunzione renale e insufficienza renale acuta.
Disturbi metabolici e nutrizionali
Molto raro: (può interessare fino a 1 persona su 10.000)
Riduzione dei livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia).
L’acido acetilsalicilico riduce l’escrezione di acido urico a basse dosi. Nei pazienti a rischio, ciò può potenzialmente scatenare un attacco di gotta.
Contromisure
Se nota gli effetti collaterali sopra menzionati, non deve assumere nuovamente il medicinale.
Informa il tuo medico in modo che possa decidere sulla gravità e sulle eventuali misure necessarie.
Ai primi segni di reazione di ipersensibilità il medicinale non deve essere ripreso.
Se notate effetti collaterali, contattate il vostro medico o il farmacista. Ciò vale anche per gli effetti collaterali non specificati.
Interazioni :
Assunzione insieme ad altri medicinali
Informi il medico o il farmacista se sta assumendo/utilizzando altri medicinali, ha recentemente assunto/utilizzato altri medicinali o ha intenzione di assumere/utilizzare altri medicinali.
L’effetto dei seguenti farmaci o gruppi di farmaci può essere influenzato dal trattamento simultaneo con questo farmaco.
Intensificazione dell’effetto fino ad un aumento del rischio di effetti collaterali:
Anticoagulanti (ad es. cumarina, eparina) e medicinali anticoagulanti:
L’acido acetilsalicilico può aumentare il rischio di sanguinamento se assunto prima del trattamento per sciogliere i coaguli di sangue. Pertanto, se deve sottoporsi a tale trattamento, deve prestare molta attenzione ai segni di emorragia esterna o interna (ad esempio lividi).
Altri farmaci antipiastrinici (medicinali che impediscono alle piastrine del sangue di aderire e aggregarsi), ad es. Ad esempio ticlopidina, clopidogrel:
aumento del rischio di sanguinamento.
Medicinali contenenti cortisone o sostanze cortisoniche (ad eccezione dei prodotti applicati sulla pelle o nella terapia sostitutiva del cortisone per la malattia di Addison):
aumenta il rischio di ulcere e sanguinamenti gastrointestinali.
Alcol:
aumenta il rischio di ulcere e sanguinamenti gastrointestinali.
Antidolorifici e antinfiammatori (analgesici non steroidei/antinfiammatori) e farmaci per i reumatismi con acido salicilico:
aumento del rischio di sanguinamento e ulcere nell’area gastrointestinale.
Medicinali che abbassano lo zucchero nel sangue (antidiabetici) come: B. Insulina, tolbutamide, glibenclamide (le cosiddette sulfaniluree) in combinazione con acido acetilsalicilico a dosi più elevate:
i livelli di zucchero nel sangue possono diminuire.
Digossina (medicinale per rafforzare il cuore).
Metotrexato (medicinale usato per trattare il cancro o alcune malattie reumatiche).
Acido valproico (usato per trattare le crisi epilettiche cerebrali [epilessia]).
Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (alcuni medicinali usati per trattare la depressione):
Aumenta il rischio di sanguinamento nell’area gastrointestinale.
Indebolimento dell’effetto:
Medicinali speciali che causano un aumento dell’escrezione di urina (diuretici: i cosiddetti antagonisti dell’aldosterone come spironolattone e canrenoato; diuretici dell’ansa, come furosemide).
Alcuni medicinali che abbassano la pressione sanguigna (in particolare gli ACE inibitori).
Medicinali che secernono acido urico per la gotta (ad es. probenecid, benzbromarone).
Alcuni farmaci antinfiammatori non steroidei (eccetto l’acido acetilsalicilico), come l’ibuprofene e il naprossene:
indebolimento dell’inibizione del farmaco dell’adesione e dell’aggregazione delle piastrine nel sangue; può ridurre la protezione fornita dal farmaco contro infarto e ictus.
Il metamizolo (un medicinale usato per trattare il dolore e la febbre) può ridurre l’effetto dell’acido acetilsalicilico sull’aggregazione piastrinica (l’aggregazione delle piastrine e la formazione di un coagulo sanguigno) se assunto contemporaneamente. Pertanto, questa combinazione deve essere usata con cautela nei pazienti che assumono acido acetilsalicilico a basse dosi per la protezione cardiaca.
Prima di usare l’acido acetilsalicilico, informi il medico quali altri farmaci stai già assumendo. Se usa regolarmente l’acido acetilsalicilico, parli con il medico prima di prendere qualsiasi altro medicinale. Ciò vale anche per i medicinali senza prescrizione medica.
Il medicinale non deve pertanto essere utilizzato insieme ad alcuna delle sostanze sopra menzionate senza espressa indicazione del medico.
Assumere con alcol
Si prega di notare che l’acido acetilsalicilico non deve essere assunto con l’alcol.
Controindicazioni :
Il medicinale non deve essere assunto
se è allergico all’acido acetilsalicilico, ai salicilati o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale.
se in passato ha avuto attacchi d’asma o altre reazioni allergiche ad alcuni medicinali per il dolore, la febbre o l’infiammazione (salicilati o altri farmaci antinfiammatori non steroidei).
per ulcere acute dello stomaco e dell’intestino.
con una tendenza patologicamente aumentata al sanguinamento (diatesi emorragica).
nell’insufficienza epatica e renale.
nella grave debolezza del muscolo cardiaco (insufficienza cardiaca) che non è stata controllata dai farmaci.
se sta assumendo anche 15 mg o più di metotrexato a settimana.
negli ultimi 3 mesi di gravidanza ad una dose superiore a 150 mg di acido acetilsalicilico al giorno (vedere anche la categoria “Informazioni sulla gravidanza”).
Periodo di gravidanza e allattamento :
Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.
gravidanza
Nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza puoi prendere il medicinale solo se te lo dice il medico.
Negli ultimi tre mesi di gravidanza non deve assumere acido acetilsalicilico, principio attivo di questo preparato, in una dose superiore a 150 mg al giorno prima e durante il parto a causa di un aumento del rischio di complicazioni per la madre e il bambino (vedi anche categoria “Controindicazione” ). Nell’ultimo trimestre di gravidanza puoi assumere acido acetilsalicilico fino a 150 mg al giorno solo se prescritto dal medico.
allattamento
Il principio attivo acido acetilsalicilico e i suoi prodotti di degradazione passano nel latte materno in piccole quantità. Poiché non sono state ancora segnalate conseguenze avverse per il neonato, in genere non sarà necessaria l’interruzione dell’allattamento al seno quando si utilizza una dose giornaliera fino a 150 mg. Se vengono assunte dosi più elevate (oltre 150 mg di dose giornaliera), l’allattamento al seno deve essere interrotto.
Informazioni per il paziente :
Avvertenze e precauzioni
Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere il medicinale,
Se è ipersensibile (allergico) ad altri medicinali antidolorifici e antinfiammatori, ad altri medicinali per i reumatismi o ad altre sostanze che scatenano allergie.
quando si assumono contemporaneamente farmaci antinfiammatori non steroidei, come ibuprofene e naprossene (medicinali contro il dolore, la febbre o l’infiammazione) (vedere anche la categoria “Interazioni”).
se soffre di altre allergie (ad es. con reazioni cutanee, prurito, orticaria).
in caso di asma bronchiale, raffreddore da fieno, gonfiore della mucosa nasale (polipi nasali) o malattie respiratorie croniche.
con trattamento simultaneo con farmaci anticoagulanti (ad es. derivati ​​cumarinici, eparina – ad eccezione del trattamento con eparina a basso dosaggio).
se ha una storia di ulcere allo stomaco e intestinali o sanguinamento gastrointestinale.
con funzionalità epatica compromessa.
con funzionalità renale compromessa o ridotto flusso sanguigno cardiaco e vascolare (ad esempio malattia vascolare dei reni, debolezza del muscolo cardiaco, riduzione del volume del sangue, interventi chirurgici importanti, avvelenamento del sangue o forti emorragie):
L’acido acetilsalicilico può aumentare ulteriormente il rischio di compromissione renale e di insufficienza renale acuta.
Prima delle operazioni (comprese le procedure minori come l’estrazione dei denti):
può verificarsi una maggiore tendenza al sanguinamento. Informi il medico o il dentista se ha preso il medicinale.
in pazienti con grave deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi:
L’acido acetilsalicilico può causare una rottura o disintegrazione accelerata dei globuli rossi o una certa forma di anemia. Questo rischio può essere causato da fattori quali: B. è possibile aumentare il dosaggio elevato, la febbre o le infezioni acute.
A cos’altro devi prestare attenzione?
L’acido acetilsalicilico riduce l’escrezione di acido urico a basse dosi. Nei pazienti a rischio, ciò può potenzialmente scatenare un attacco di gotta.
Se ti tagli o ti ferisci, potrebbe essere necessario un po’ più tempo del solito perché l’emorragia si fermi. Ciò è legato all’effetto del farmaco. Tagli e lesioni minori (ad esempio durante la rasatura) di solito non hanno importanza. Se si verificano sanguinamenti insoliti (da una posizione insolita o di durata insolita), contattare il medico.
I medicinali contenenti acido acetilsalicilico non devono essere usati per un periodo di tempo più lungo o a dosi più elevate senza consultare il medico.
Bambini e giovani
Il medicinale deve essere usato nei bambini e negli adolescenti con malattie febbrili solo su consiglio medico e solo se altre misure non funzionano. Se queste malattie causano vomito prolungato, potrebbe essere un segno della sindrome di Reye, una malattia molto rara ma pericolosa per la vita che richiede cure mediche immediate.

Richiesta Informazioni

Per informazioni 346 0565119 o compilare il modulo

Consegna - Come spedisci?
Il nostro partner di spedizione DHL consegnerà il tuo pacco fino al confine. Da lì in poi DHL passa il tuo pacco a uno spedizioniere nazionale.
Si prega di notare che il costo di spedizione dipende dal partner di spedizione specifico.
Se desideri informazioni di tracciamento della spedizione del tuo pacco, ti preghiamo di contattarci, possiamo dirti lo stato attuale della tua spedizione.
Si prega di notare che la consegna potrebbe richiedere più di 5 giorni.